Trauma e Malattia: l’approccio EMDR integrato in psiconcologia

sabato 18 Marzo 2017 — 09:00/17:00

Dott. ELISA FARETTA

Scoprire di avere una malattia oncologica ed averne la conferma in seguito ad accertamenti diagnostici può comportare a livello psicologico conseguenze che talvolta possono essere così devastanti da mettere in crisi le capacità della persona di reagire e di far fronte alla malattia. Una diagnosi di questo tipo mette in crisi l’intera immagine che il soggetto ha di sé, sconvolgendone l’intero equilibrio psicofisico.

La diagnosi di tumore può essere considerata un evento traumatico, a causa del devastante impatto sulla vita del paziente e, in quanto tale, può rimanere come un’esperienza congelata in modo disfunzionale all’interno delle reti mnestiche del paziente, generando ulteriore sofferenza (Faretta, 2014).
Proprio in quest’ottica si colloca l’utilizzo dell’EMDR (Eye Movement Desensititation and Reprocessing), che è risultato essere un metodo efficace ed utile per aiutare il paziente sia a rielaborare vissuti emotivi negativi legati agli eventi traumatici collegati alla malattia, sia a riattivare il sistema di autoguarigione innato che è presente in ogni persona.

In questo workshop si illustrerà il lavoro terapeutico e il percorso realizzato in ambito psiconcologico, collegando la teoria alla pratica attraverso l’illustrazione di alcuni casi clinici trattati, allo scopo di mostrare alcuni dei momenti più significativi della terapia ed in relazione al lavoro svolto sulle fasi della malattia secondo l’approccio EMDR integrato.
Tale intervento globale è centrato sulla persona e richiede un corretto rilevamento di tutti i fattori che causano stress, nonché degli eventi traumatici attuali e legati alle varie fasi della malattia, come ad esempio diagnosi, chemioterapia, radio, interventi chirurgici, recidive, controlli.
Si evidenzierà come, prima dell’intervento di rielaborazione sugli eventi critici, sia importante un lavoro di rafforzamento dei fattori di sicurezza e protezione per promuovere lo sviluppo di capacità di coping e il rafforzamento delle risorse personali, utili a far fronte agli eventi critici.

Un’altra fase importante sarà dedicata alla rielaborazione, secondo il modello EMDR, dei momenti traumatici legati alle fasi della malattia ed anche a quelli collegati alla storia personale (lutti, separazioni, altre malattie, abusi, ecc.) e, infine, la gestione delle preoccupazioni e paure rispetto al presente e legate al futuro.
Attraverso la terapia con l’EMDR si acquisisce più sicurezza emotiva, si rafforza la parte più costruttiva e si potenziano le capacità per affrontare le difficili sfide che ogni stadio della malattia comporta. Quando l’intervento EMDR viene attuato in ambito psiconcologico, è opportuno che gli obiettivi terapeutici di attivazione, rinforzo delle risorse e stabilizzazione del paziente vengano perseguiti in modo trasversale lungo tutto l’arco dell’intervento e del decorso della malattia.

Aula Magna del Centro di Grafica
del Centro Solidarietà Giovani
via Martignacco, 187 – Udine

Dott. Elisa Faretta Psicologa Psicoterapeuta, è Direttore Scientifico e delle attività formative del Centro Studi PIIEC (Psicoterapia Integrata Immaginativa ad Espressione Corporea) e di Ricerca e di Documentazione della SIMP (Società italiana di Medicina Psicosomatica).
E’ inoltre membro dei Direttivi EMDR dal 2003 e Vicepresidente della SIMP dal 2001 ad oggi.
Ha creato il progetto di Polo Psiconcologico del Centro Studi PIIEC attivando convenzioni con associazioni che si occupano di oncologia fra cui ACTO Onlus, in collaborazione e per l’associazione EMDR Italia.
È docente, conduttore di gruppi e Supervisore dal 1997 presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad orientamento Psicosomatico dell’Istituto di Medicina Psicosomatica di Milano.
Facilitator e Consultant/Supervisore EMDR dal 2003, ha coordinato e tuttora coordina ricerche sull’efficacia dell’EMDR in psiconcologia, psicologia clinica e negli attacchi di panico.
È referente per la Psiconcologia e per l’intervento psicologico nelle malattie organiche gravi per l’associazione EMDR e per la SIMP, coordinando e supervisionando i terapeuti a livello nazionale.
Ha coordinato ricerche sull’efficacia dell’EMDR in psiconcologia e attacchi di panico, pubblicando molti articoli su riviste scientifiche, tra cui il Journal of EMDR Practice and Research.
Nel 2104 ha pubblicato il testo Trauma e Malattia: l’EMDR in psiconcologia, ed. Mimesis, Milano.

La giornata di formazione è a numero chiuso ed è richiesta l’iscrizione obbligatoria. L’iscrizione deve essere effettuata entro il 15 marzo compilando l’apposita scheda (scaricabile dal sito www.naven.it) inviandola via mail a segreteria@naven.it, unitamente alla ricevuta del bonifico bancario attestante l’avvenuto pagamento.

Il versamento della quota di iscrizione deve essere effettuato con bonifico bancario sul c/c intestato a Naven s.r.l., IBAN IT 85 B 02008 12313 000019174070, indicando nella causale cognome, nome e “Seminario Faretta”.
Costo per i partecipanti ex-allievi Naven: euro 48,80 (40 euro + 22% iva)
Costo per i partecipanti esterni: euro 61,00 (50 euro + 22% iva)

Le iscrizioni per questo appuntamento sono chiuse.